campi elettromagnetici

ambiente

Campi Elettromagnetici

La crescente richiesta di energia elettrica e di comunicazioni personali ha comportato un notevole aumento delle sorgenti di campi elettromagnetici, determinando la sensibilità della popolazione per i possibili effetti sulla salute dovuti all’esposizione del cosiddetto “elettrosmog” e conseguentemente un considerevole aumento delle richieste di controlli sulle infrastrutture sorgenti di campi elettromagnetici. In conformità con la normativa vigente, la nostra società esprime parere di compatibilità elettromagnetica con la vita e il lavoro umano svolgendo controlli alle sorgenti a bassa frequenza (elettrodotti, tralicci, cabine di trasformazione, centrali elettriche) e alle sorgenti a radiofrequenza (tra cui stazioni radio base per telefonia mobile, impianti radiotelevisivi, radioamatoriali, ponti radio). Eseguiamo anche “misure puntuali”, richieste in genere dagli enti locali o dall’autorità giudiziaria, le misure, in questi casi vengono eseguite nelle immediate vicinanze delle sorgenti, punti significativi dove la popolazione è maggiormente esposta.
Dal 1° luglio 2016 diventerà obbligatoria la misura dei campi elettromagnetici come disposto dalla direttiva normativa_campi_elettromagnetici2013/35/UE. La legge impone quindi un’accurata misura dei campi elettromagnetici nei luoghi di lavoro per salvaguardare la salute del lavoratore e per non incorrere quindi in sanzioni che possono essere sia di tipo pecuniario che di tipo detentivo. L’obbietto, nel mondo del lavoro, è quello di fornire il massimo supporto al fine di evitare gravi conseguenze sia a carico del datore di lavoro, vero responsabile delle condizioni lavorative dei suoi dipendenti, che del lavoratore stesso. Qualora l’esposizione dei lavoratori ai campi elettromagnetici superi il VLE, il datore di lavoro dovrà adottare misure immediate in conformità
Ceratonia, segue le attuali disposizioni di legge in materia (D.lgs. 81/2008), ma può già applicare la nuova normativa europea, occupandosi principalmente di misurare e monitorare le radiazioni generate da campi elettromagnetici (CEM) sia in campo industriale che in campo civile al fine di prevenire e limitare i rischi dovuti ad inquinamento elettromagnetico. Individuata la fonte e l’intensità del Campo, la società è in grado di fornire tutto il supporto tecnico necessario a partire dalla progettazione fino alla realizzazione delle soluzioni schermanti più idonee per attenuare i campi elettromagnetici o per eliminare l’elettrosmog dalle abitazioni o dagli ambienti di lavoro.
I principali servizi di misura deicampi elettromagnetici di Ceratonia Geophysics:

  • Valutazione dell’esposizione magnetica sul lavoro/ in campo industriale
  • Misura di segnali a bassa frequenza (0 – 100 KHz) di campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici generati da impianti industriali, elettrodotti, linee a bassa, media ed alta tensione
  • Misure del campo magnetico generato da antenne telefonia e sorgenti ad alta frequenza (100 kHz – 3 GHz)
  • Misura del campo elettrico e induzione magnetica emessi in ambito residenziale, civile, uffici ed ospedaliero
  • Zonazione elettromagnetica di aree di interesse (scuole, centri abitativi), quale possibile strumento con lo scopo di assicurare il corretto insediamento urbanistico e territoriale degli impianti elettrici e/o di comunicazione e di minimizzare l’esposizione della popolazione