Indagini elettromagnetiche

Indagini con Metodo elettromagnetico (FDEM)

Indagini con Metodo elettromagnetico (FDEM)

L’indagine FDEM misura la variazione dei campi magnetici prodotti dalle correnti elettriche indotte nel terreno indagato, attraverso un altro sistema di campi elettromagnetici generati artificialmente in superficie. Il sistema non necessita di contatti con il terreno, è in grado di misurare celermente la conducibilità elettrica dei terreni permettendo l’analisi di ampi areali grazie anche al sistema G.P.S. integrato.

Lo strumento permette di ottenere mappe di isoconducibilità a diversa profondità (da 0 a circa 8 metri) in base alle diverse frequenze trasmesse permettendo di stimare eventuali variazioni stratigrafiche e litologiche, possibili zone di infiltrazioni d’acqua, presenza nel sottosuolo di rifiuti e sostanze inquinanti, mappe di potenziale interesse archeologico.

I principali campi di applicazione sono:

  • Mappe di iso-conducibilità;
  • Studio di aree a rischio inquinamento;
  • Ricerca di corpi metallici e di altra natura sepolti;
  • Definizione aree inquinate;
  • Individuazione di perdite in condotte idriche sepolte;
  • Valutazione rischio archeologico;
  • agricoltura di precisione.

Come strumento elettromagnetico La Ceratonia Geophysics utilizza Lo strumento Profiler EMP 400 collegato per geo- referenziare i dati a un sistema GPS/SBAS della Trimble®.